Approvato il consuntivo 2018, sindaco Angarano: “Bilancio solido e sano”

APPROVO BILANCIO

“Un bilancio solido e sano che fa dormire sonni tranquilli ai cittadini”. Il sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano ha commentato così l’approvazione del bilancio consuntivo 2018, con 15 voti favorevoli, 9 contrari e l’astensione del presidente Casella, nella seduta del consiglio comunale del 3 giugno.

“Abbiamo registrato un avanzo complessivo di circa 11.987.231 euro, rispetto agli 11.082.961 euro del 2017 e ai 10.419.381 euro del 2016. Stiamo facendo un ottimo lavoro sulla razionalizzazione delle spese al fine di rendere il bilancio meno rigido, prestando particolare attenzione alle entrate. Questa sarà un’ottima base per la futura programmazione”, ha aggiunto il primo cittadino di Bisceglie. “L’ultimo rendiconto approvato prima dell’insediamento di questa amministrazione, quello relativo all’annualità 2017, presentava un volume di debito pari a 35.513.707 euro mentre nel 2018 si è fortemente ridotto a 32.308.034 euro. Il Fondo Cassa 2018 parte da un saldo iniziale all’1/1/2018 di 10.839.471 euro e raggiunge un saldo finale, al 31 dicembre 2018, di 12.377.533 euro”.  

“La spesa corrente pro capite, che misura l'entità della spesa sostenuta dall'ente per l'ordinaria gestione, rapportata al numero di cittadini, è in diminuzione”, ha aggiunto il sindaco Angarano. “Ottimi risultati sono stati conseguiti in merito all’attività di verifica e di controllo delle dichiarazioni e dei versamenti, con il recupero dell’evasione inerenti diversi tributi. Proprio grazie a questa attività, che ha favorito l’emersione di oltre 4mila utenze della Tari, è stato possibile non aumentare il tributo e non gravare sulle tasche dei cittadini, malgrado un maggiore costo del servizio”.

“Un altro dato importante, dimostrazione di buona amministrazione, riguarda l’indicatore di tempestività dei pagamenti correnti”, ha sottolineato il primo cittadino di Bisceglie. “Questo parametro, che rappresenta i giorni di ritardo con i quali vengono soddisfatte le pretese creditorie vantate nei confronti dell’ente, si attesta nel 2018 a giorni 21,10 rispetto ai 34,30 giorni del 2017, attestando un grande sforzo dell’amministrazione nel mantenere sane le finanze comunali”.

“I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Si prospetta per il futuro una gestione normale, capace di garantire la dovuta tranquillità ad amministratori e cittadini”, ha concluso il sindaco Angarano, rimarcando “la prova di compattezza della maggioranza, smentendo seccamente le cassandre che prospettavano crisi nella maggioranza”.

Data: 03/06/2019 Ultima modifica: Mar, 04/06/2019 - 10:09