Scuola D. T. Bello, “Avevamo pensato ad un plesso sicuro e funzionale, rispettiamo la scelta dei genitori”

DON TONINO BELLO

Ieri pomeriggio il sindaco Angelantonio Angarano, accompagnato da vicesindaco, assessori e consiglieri e dal Dirigente della Ripartizione Tecnica, Arch. Giacomo Losapio, ha incontrato genitori e docenti della scuola Don Tonino Bello, insieme al Dirigente del II Circolo Didattico, Prof. Giuseppe Tedeschi. “Abbiamo mantenuto la parola, dimostrando la nostra apertura al dialogo e al confronto”, ha spiegato il sindaco Angarano all’indomani dell’incontro tenutosi proprio nell’edificio scolastico di via XXV Aprile. “Da un lato c’era il plesso nel quartiere Salnitro, completamente rinnovato, sicuro, funzionale, adeguato alle normative antisismiche e dotato di una mensa. Dall’altro un edificio scolastico che presenta criticità e carenze, più volte segnalate al Comune dal Dirigente e dagli stessi genitori. Tra loro una distanza non certo incolmabile. Il trasferimento non avrebbe cambiato nulla sulla composizione delle classi e dei docenti. Né tantomeno la decisione ha attinenza con il futuro piano di dimensionamento scolastico che, è bene precisarlo, è di competenza regionale e dipende dalla consistenza della popolazione scolastica”, ha sottolineato il primo cittadino di Bisceglie. 

“I genitori presenti, unitamente alla comunità scolastica, tuttavia, hanno scelto di restare alla Don Tonino Bello”, ha continuato il sindaco Angarano. “Rispettiamo e accogliamo quindi la loro decisione, attestando, con i fatti, che da parte dell’amministrazione non ci fosse la volontà di imporre un diktat ma solo di chiarire eventuali disinformazioni ed illustrare una soluzione, concepita non appena abbiamo avuto la certezza della disponibilità del plesso ‘Don Pasquale Uva’, che reputiamo molto oculata, sensata e costruttiva, orientata al benessere e alla sicurezza dei bambini. Una visione condivisa anche dall’On. Galantino, che ringraziamo per la sensibilità mostrata, nell’esclusivo interesse pubblico. Accogliamo la richiesta di una scelta più ‘di cuore’ che una più ‘fredda e razionale’ e lavoreremo con maggiore attenzione con le comunità scolastiche per condividere percorsi futuri”, ha concluso il sindaco Angarano.

Data: 02/07/2019 Ultima modifica: Mer, 03/07/2019 - 12:02