SUAP - Produttore agricolo

La vendita diretta al dettaglio di prodotti agricoli provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende è consentita agli imprenditori singoli o associati, iscritti nel Registro delle Imprese. Può essere esercitata in forma itinerante, in locali aperti al pubblico o su aree pubbliche mediante l’utilizzo di un posteggio, anche attraverso la modalità del commercio elettronico. In ognuno di questi casi è necessario presentare apposita comunicazione al Comune competente per territorio; per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all’aperto nell’ambito dell’azienda agricola o di altre aree private di cui l’imprenditore abbia la disponibilità, non è invece richiesta alcuna comunicazione di inizio attività. Possono essere posti in vendita anche prodotti derivati, ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione di prodotti agricoli e zootecnici.

La vendita di prodotti non provenienti dalla propria azienda non può superare l’ammontare di ricavi fissato dalle specifiche normative di riferimento per l’anno precedente.

Adempimenti

Occorre presentare la comunicazione, redatta in regime di autocertificazione, compilata  su  apposito modulo da inoltrare attraverso il portale www.impresainungiorno.it e l’attività  può iniziare o cessare contestualmente alla presentazione della comunicazione.

Il Comune di BISCEGLIE svolge le funzioni di Sportello Unico per Attività produttive avvalendosi del supporto della CCIAA DI BARI, nel rispetto dell'art.4, comma 10-12 del D.P.R. 160/2010.
Nel portale www.impresainungiorno.it è possibile consultare l'elenco dei procedimenti di competenza del SUAP, e dunque compilare, firmare e inviare una pratica per l'avvio o l'esercizio di un'attività nel territorio del Comune.

Al modello va allegata copia di un  documento identificativo.

I locali oggetto della richiesta devono avere sempre l’agibilità con destinazione d’uso commerciale.

 

REQUISITI

  • Essere iscritto al registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio;
  • Non avere riportato condanne, con sentenza passata in giudicato, per delitti in materia di igiene e sanità o frode nella preparazione degli alimenti, nel quinquennio precedente all’inizio dell’esercizio dell’attività. Il divieto ha efficacia per un periodo di cinque anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna;

Nel caso di vendita all’interno di locali, gli stessi devono avere i prescritti requisiti edilizi ed igienico-sanitari.

Costi

Nessun costo per il cittadino.

Tempi

La presentazione della comunicazione costituisce titolo necessario per intraprendere con decorrenza immediata l’esercizio dell’attività.

Il Comune dispone di sessanta giorni, dalla data di presentazione della comunicazione, per adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli effetti dannosi della stessa, salvo che l'interessato, ove sia possibile, provveda a conformare l'attività alla normativa vigente entro un termine, non inferiore a trenta giorni, fissato dal Comune stesso.

Il Comune, tuttavia, ha la facoltà di assumere provvedimenti inibitori in autotutela con effetto immediato e può, altresì, adottare sempre ed in ogni tempo provvedimenti inibitori all'esercizio dell'attività in caso di dichiarazioni o attestazioni mendaci da parte degli interessati, ferma restando la denuncia all'Autorità giudiziaria per i profili di natura penale

Note

In caso di vendita diretta dei prodotti agricoli in forma itinerante, la comunicazione deve essere presentata al Comune del luogo ove ha sede l’azienda di produzione, specificando le generalità del richiedente, gli estremi dell’iscrizione nel registro delle Imprese, l’ubicazione dell’azienda, i prodotti di cui s’intende praticare la vendita e le modalità con cui si intende effettuarla. A seguito di ciò, risulta ammessa l’attività di vendita in forma itinerante in tutto il territorio nazionale.

In caso di vendita non in forma itinerante su aree pubbliche o in locali aperti al pubblico, la comunicazione deve essere presentata al Comune in cui si intende esercitare la vendita. Per la vendita su aree pubbliche mediante l’utilizzo di un posteggio, deve essere richiesta anche l’assegnazione del posteggio medesimo, ai sensi dell’art. 28 del D. Lgs. n. 114/98, con le modalità fissate dai regolamenti comunali vigenti.

Settore di riferimento

Sportello Unico Attività Produttive

Dirigente

Rosanna Galantino
0803950468
ufficio.ps@comune.bisceglie.bt.it

Sede

via Prof. Mauro Terlizzi 20 76011 Bisceglie

Personale addetto

Dott.ssa Rosanna GALANTINO

Sig. ra Isabella ALTOBELLO

Sig. Toni COLANGELO

 

Livello di informatizzazione

Esecuzione transazione. Possibile eseguire on-line l'intero procedimento che porta all'erogazione del servizio, compresi eventuali pagamenti, notifiche e consegne

Livello di informatizzazione futura

Esecuzione transazione. Possibile eseguire on-line l'intero procedimento che porta all'erogazione del servizio, compresi eventuali pagamenti, notifiche e consegne

Tempi di attivazione del servizio online

Servizio disponibile.

Data di aggiornamento scheda

02/07/2019