Consiglio: “Bisceglie inserita nei livelli minimi regionali di trasporto pubblico, questa è lungimiranza”

autobus

“Il bando sul rinnovo dei mezzi pubblici aveva fra i requisiti il riconoscimento formale dei servizi minimi garantiti, che individuano il fabbisogno locale in termini di trasporto urbano, prerequisito necessario ai fini dell’individuazione di un gestore del servizio, come previsto da norme comunitarie (Regolamento CE n.1370/2007) e nazionali disattese per oltre un decennio.  Ebbene, Bisceglie non rientrava nei servizi minimi garantiti e ciò ha determinato la mancata ammissibilità alla valutazione della proposta. Tuttavia, in virtù di un lavoro attento e puntuale degli uffici, l’Amministrazione, avendo già tempestivamente avviato il relativo iter, ha ottenuto per la prima volta il riconoscimento dei servizi minimi (le new entry sono state solo 3 in Puglia, aggiungendosi ai 53 Comuni che ne facevano già parte). Proprio grazie a questo importante riconoscimento, non solo Bisceglie potrà essere più competitiva nei bandi in procinto di essere pubblicati ma che già, concretamente, dal prossimo anno Bisceglie riceverà annualmente un ingente finanziamento di circa 300mila euro per coprire il costo del servizio del trasporto pubblico locale. Questo significa saper pianificare con lungimiranza, saper guardare lontano e non fermarsi al proprio naso, pensare al futuro e non solo all’immediato, guardare alle nuove generazioni e non all’effimero consenso elettorale del momento. Entrando nei livelli di trasporto minimo, Bisceglie ha aperto una nuova importantissima frontiera del trasporto urbano, che consentirà di migliorare il servizio, rendendolo più efficiente ed ecosostenibile. Stiamo lavorando, infine, per ripristinare al più presto il servizio di trasporto scolastico”. Lo dichiara Angelo Consiglio, Assessore alla mobilità del Comune di Bisceglie.

Data: 30/12/2019 Ultima modifica: Mar, 31/12/2019 - 13:33