Associazioni di Volontariato - Procedimento di iscrizione al Registro Regionale, ai sensi dell'art.2 della L.R. 11/94

La legge quadro 266/91 stabilisce che se una organizzazione di volontariato vuole convenzionarsi con lo Stato, le regioni, le province autonome, gli enti locali e gli altri enti pubblici e godere di tutti gli altri vantaggi da essa previsti, è necessario che la stessa si iscriva in un apposito registro “registro generale delle organizzazioni di volontariato” istituito e tenuto dalle regioni e dalle province autonome.

L’art. 2 della legge regionale n. 11/94 sul volontariato istituisce tale registro presso l’Assessorato alla Solidarietà - Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opprtunità - Ufficio Governance e Terzo Settore.
L’iscrizione al registro regionale del volontariato è l’atto formale che riconosce l’Associazione come organizzazione di volontariato e dà il riconoscimento dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà pluralismo e apporto originale per il conseguimento di finalità di carattere sociale, civile e culturale.
 

Sono iscrivibili le organizzazioni che posseggono i seguenti requisiti, espressamente previsti dall’art. 3 della L. 266/91:

  • assenza fini di lucro;
  • democraticità della struttura;
  • elettività delle cariche associative;
  • gratuità delle cariche associative e delle prestazioni fornite dagli aderenti;
  • criteri di ammissione ed esclusione degli aderenti;
  • obblighi e diritti degli aderenti;
  • obbligo di formazione del bilancio (beni, contributi, lasciti, spese);
  • modalità di approvazione del bilancio da parte dell’assemblea degli aderenti;
  • devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ad altre organizzazioni di volontariato operanti in identico o analogo settore.

Adempimenti

Le associazioni locali che indendono iscriversi al Registro Generale Regionale di volontariato, ne devono fare esplicita richiesta, rivolta al Sindaco della Città di Bisceglie, allegando alla domanda:

  • Atto costitutivo;
  • Statuto;
  • Verbale di nomina del legale rappresentante;
  • Relazione sull’attività e sull’articolazione della organizzazione;
  • Bilancio consuntivo;
  • Elenco nominativo dei soggetti che ricoprono le cariche associative (indicare le generalità, la qualificazione professionale, e l’attività svolta nell’ambito dell’organizzazione);
  • Dichiarazione dalla quale risulti la marginalità delle attività commerciali e produttive eventualmente svolte.

Obblighi derivanti dall’iscrizione

  • assicurare i propri aderenti che prestano attività di volontariato contro infortuni e malattie, nonché per la responsabilità civile verso terzi;
  • trasmettere entro il 30 aprile di ogni anno al Comune di pertinenza, ai sensi dell’art. 3 della L.R. 11/94, una relazione dettagliata di aggiornamento che illustri l’attività svolta, di una copia dell’ultimo bilancio  e di una dichiarazione attestante il permanere di requisiti necessari per l’iscrizione

Costi

la richiesta d'iscrizione è gratutita e si ottengono i seguenti benefici:

  • ai sensi dell’art. 10, comma 8, del D.lgs. 460/97 le organizzazioni di volontariato iscritte sono considerate O.N.L.U.S. di diritto;
  • l’iscrizione consente la partecipazione a bandi provinciali, regionali e nazionali dedicati alle associazioni iscritte;
  • le associazioni iscritte possono acquistare beni mobili registrati ed immobili, accettare donazioni e lasciti testamentari, anche se non hanno personalità giuridica (art. 5 c. 2);
  • possono chiedere contributi pubblici (art. 6 c. 2);
  • possono stipulare convenzioni con Enti Pubblici;
  • possono fruire di agevolazioni fiscali:
  1. esenzione da imposta di bollo e imposta di registro per gli atti costitutivi e per gli atti connessi allo svolgimento della loro attività (art. 8 c. 1);
  2. non sono soggette ad Iva le cessioni di beni e le prestazioni di servizio svolte (art. 8 c. 2);
  3. esenzione da ogni imposta per donazioni, eredità legati (art. 8 c. 2);
  4. non imponibilità ai fini Irpeg, previa domanda di esenzione, dei proventi da attività commerciali e produttive marginali (art. 8 c. 4);
  5. valutazione semplificata dell’imponibile (art. 9);
  • informazione e consultazione su programmi e progetti degli Enti Locali;
  • partecipazione alla programmazione pubblica;
  • diritto all’informazione e all’accesso ai documenti amministrativi relativamente al loro ambito istituzionale;
  • possibilità per i volontari di fruire, nel loro lavoro e a condizione che il contratto lo preveda, di forme di flessibilità dell’orario di lavoro e nella turnazione (art. 17 c. 1).

(Fonte: L.266/91 “Legge Quadro sul volontariato” e successive applicazioni)

Tempi

30 giorni

Destinatari

Le associazioni di volontariato

Settore di riferimento

Servizio Sociale Comunale

Dirigente

Silvana Crescenza Altamura
0803950302

Personale addetto

Capo Sezione Ufficio Servizi Sociali - Dr. Mauro De Cillis

Livello di informatizzazione

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Non appena possibile, in base alle disponibilità di bilancio, alle limitazioni imposte dalla spending review e a quelle necessarie per rispettare il patto di stabilità, verrà quantificato il tempo necessario per l'attivazione del servizio on line del presente procedimento.

Data di aggiornamento scheda

17/01/2013