Stato civile - Denuncia di nascita

come, dove, quando effettuare la denuncia di nascita

La dichiarazione di nascita può essere resa da uno dei due genitori, da un medico/ostetrica che ha assistito al parto o da un'altra persona che ha assistito al parto o da un procuratore speciale.

La nascita deve essere denunciata:

  • entro 3 giorni dalla nascita se viene resa presso la Direzione Sanitaria dell'Ospedale o della Casa di Cura in cui è avvenuta la nascita;
  • entro 10 giorni dalla nascita se viene resa all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di nascita o di residenza.

Qualora la dichiarazione di nascita venga fatta dopo 10 giorni dalla nascita, l'Ufficiale dello Stato civile può accoglierla se vengono indicate le ragioni del ritardo.
Può essere attribuito un solo nome, composto anche da più elementi onomastici (fino a tre), corrispondente al sesso del bambino.

Adempimenti

La dichiarazione di nascita può essere resa presso:

  • Direzione Sanitaria dell'Ospedale e della Casa di Cura Privata in cui è avvenuta la nascita
  • Comune in cui è avvenuto il parto
  • Comune di residenza dei genitori
  • Comune di residenza della madre se il padre risiede in altro Comune
  • Comune di residenza del padre, previo accordo con la madre, residente in altro Comune (in questo caso l'iscrizione anagrafica - residenza - del bambino sarà effettuata nel Comune ove risiede la madre)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE

  • Attestazione di nascita rilasciata dall'ostetrica o dal medico cha ha assistito al parto ovvero constatazione di avvenuto parto.
  • Documento valido di identità personale del dichiarante.
  • Per i genitori stranieri non titolari di carta d'identità occorre esibire il passaporto e permesso di soggiorno.

 

L'ufficio nascite al momento della dichiarazione di nascita provvede al rilascio del codice fiscale del bambino solo se la madre è residente a Bisceglie. Negli altri casi è competente l'Agenzia delle Entrate.

Il rilascio della tessera sanitaria è di competenza dell'Asl.

Costi

Nessuno. 

Tempi

La denuncia deve essere effettuata entro 10 giorni dall'evento.

Note

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • Codice Civile art. 231 e seguenti
  • Legge n. 218 del 31.05.1995: Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato
  • Decreto del Presidente della Repubblica n. 396 del 03/11/2000: Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello Stato civile a norma dell'art. 2 comma 12 della legge n. 127/1997
  • Decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 28/12/2000: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa - art.16.

Settore di riferimento

Servizio Stato Civile e Leva

Orari

Recapito e orari ufficio

Ripartizione Amministrativa e Servizi al cittadino – Ufficio Stato Civile - Via Prof. Mauro Terlizzi, 20

>> Consulta l'orario di apertura al pubblico degli Uffici Comunali <<

Tel.: 080/3950408 – 080/3950412 – 080/3950414

Fax: 080/3950413

E-mail: statocivile@comune.bisceglie.ba.it

Pec: statocivile@cert.comune.bisceglie.bt.it

Livello di informatizzazione

Informativo. Disponibili on-line solo le informazioni necessarie per avviare la procedura che porta all'erogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Informativo. Disponibili on-line solo le informazioni necessarie per avviare la procedura che porta all'erogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Non appena possibile, in base alle disponibilità di bilancio, alle limitazioni imposte dalla spending review e a quelle necessarie per rispettare il patto di stabilità, verrà quantificato il tempo necessario per l'attivazione del servizio on line del presente procedimento.

Data di aggiornamento scheda

19/08/2013